Nokia ritorna sul mercato dei cellulari con un anti-smartphone

L’azienda finlandese, chiusa la partnership con Microsoft, scommette su un dispositivo tipico Nokia che costa meno di 40 euro,  fa telefonate, riceve sms e ha una batteria che in stand-by dura un mese

nokia 150 1NOKIA torna sul mercato globale dei cellulari. Insieme a un forte socio cinese, Foxconn, che assicurerà la produzione nella Repubblica popolare.

Fin qui, erano notizie note. Lo smartphone Nokia 6 è già in vendita in Cina, imminente è il lancio mondiale degli smartphone Android Nokia P1 e Nokia 8. Ma la novità è un’altra. L’azienda che fu simbolo della Finlandia dei suoi anni migliori sta per presentare un anti-smartphone, tutto in plastica.

Si chiama Nokia 150, sarà in vendita su Amazon a 38 euro e nei negozi a 39,99 euro. Punta tutto sulla robustezza, sull’estrema durata della batteria, sui tasti e su pochi gadget.

E allora vediamo cosa offre. È facilissimo da usare, con i tasti. Non dispone né di Android né di Windows Phone. Fornisce telecomunicazioni sulla vecchia rete GSM, a 900 o 1800 Megahertz. E poi c’è la batteria. Potentissima, 31 giorni in standby o 22 ore di conversazione continua. Eppure è una batteria di appena 1020 mAh, circa un terzo di potenza di quelle degli smartphone attuali.

L’obiettivo è chiaro, conquistare l’utente assicurandogli essenzialmente la reperibilità a ogni costo e a lunga durata. senza pericolo che la batteria si scarichi, il vero cruccio per miliardi di possessori di smartphone d’ogni tipo in tutto il mondo.
Per il resto, il Nokia 150 offre una lampadina tascabile incorporata, una semplice fotocamera di modeste prestazioni ma affidabilissima.

E poi alcuni contenuti multimediali: radio a modulazione di frequenza ascoltabile con cuffie da acquistare a parte, un software per ascoltare gli MP3. C’è anche un video player per il piccolo schermo di 2,4 pollici.
Bentornata Nokia, insomma. Certo con il 150 puoi fare molto meno che non con uno smartphone. Ma a quel prezzo il 150 può essere scelto sia da chi ha meno esigenze e vuole soprattutto comunicare via voce, sia da chi dispone di uno smartphone ma per sicurezza vuole avere sempre in tasca anche un cellulare di riserva se la batteria dello smartphone lo abbandona. Appunto, meno servizi ma batteria immortale. Vedremo come lo accoglierà il mercato.

Tratto da la Repubblica on line

art. di ANDREA TARQUINI

(Visited 39 times, 1 visits today)
Taggato con: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*